giovedì 17 agosto 2017

ASTROLOGIA INTUITIVA - ECLISSI TOTALE DI SOLE - 21.08.2017 - L'ALLINEAMENTO DELLE SACRE MATRICI DEL DIO E DELLA DEA


Quanto sta accadendo dentro di noi in questo Corridoio delle Eclissi di agosto 2017 è un processo di Allineamento. Cosa vuol dire? Che se nei nostri corpi sottili - corpo emozionale (a pochi centimetri dal corpo fisico); corpo mentale (a circa 50 cm dal corpo, ma la distanza è variabile) - e nel corpo fisico ci sono dei residui disarmonici, il formarsi in Cielo di un'armonia profonda stimola la stessa configurazione anche dentro di noi. Tutto quello che è contenuto in noi che non risuona a quella stessa armonia viene percepito, sentito, vissuto, con la stessa frequenza a cui quella disarmonia risuona, cioè in maniera dissonante. L'effetto è quello di fare un'esperienza che percepiamo come disastrosa, arrivando a pensare di aver sbagliato tutto nella vita. 
Fermiamoci un attimo e respiriamo. Non attacchiamoci a quel disagio, lasciamolo espandere. Stiamo avvertendo qualcosa che è in noi, ma non è noi. E' una disarmonia (del resto, chi non ne ha). Rimanere vivi in questo mondo significa anche essere disarmonici, altrimenti dovremmo fuggire in mezzo alla natura, perché non riusciremmo a gestire la vita così come facciamo. Quindi non sentiamoci soli. Tuttavia, io mi sto preparando per cambiare profondamente vita, rifugiarmi dove la Natura vorrà accogliermi. Non ho ancora un piano preciso. Osservo e non vedo alternative. Attendo solo i giusti segnali, che i figli crescano e trovino il modo di costruirsi una loro nuova radice.
Tornando all'Allineamento, che cos'è? E' una configurazione, in questo caso astrologica, in cui due Forze opposte e complementari si uniscono, creando un'unica Forma, l'Unità. Si uniscono gli Archetipi Maschile e Femminile nelle figure del Sole e della Luna, che nel Novilunio del 21 agosto si uniranno a 28° in Leone, Segno di Fuoco. Contemporaneamente anche Saturno, il Maestro spirituale, sarà allo stesso grado di Lilith, la Luna Nera, a 21° del Sagittario. Ho interpretato questa ultima congiunzione come lo scioglimento del nodo di dolore che ha sempre caratterizzato la relazione maschio/femmina da quando la Dea è stata soppiantata dal Dio, in una guerra di potere senza fine che ha portato al senso di separazione. Se vogliamo guarire, se vogliamo amare ed essere amati, se desideriamo la pace dentro e fuori di noi, è necessario entrare in una modalità di osservazione per focalizzarci sui conflitti interiori, pensando che possiamo trasformarli. Non importa come, non importa cosa si deve fare. La cosa importante è sapere che sta accadendo. 
In definitiva, a mio parere, questo è il più grande dono che l'umanità possa prendere da questo momento cosmico. Il Novilunio azzera ciò che è venuto prima. L'Eclissi di Sole riscrive la storia della Terra per traghettare l'umanità verso la Pace (non so quanto ci vorrà, ma il flusso è potente). La benedizione che arriva dalla terza punta del Triplo Trigono di Fuoco, cioè da Urano in Ariete a 28°, è la Forza di riuscire a superare qualunque dissonanza, sapendo che stiamo soffrendo solo perché stiamo liberando le antiche vie di un sentire che trasudava solitudine e disperazione. Dalle nostre cellule vengono espulsi i ricordi di tutte le volte che per noi non ha funzionato, che abbiamo dovuto lasciare il corpo senza una speranza, che ci siamo dovuti arrendere ai giochi di potere. Urano è il raggio laser che taglia, risana, rinnova.


L'ECLISSI DI SOLE CALCOLATA CON L'ORA UTC

Dentro di noi c'è tanto in ballo, ed è arrenderci alla Fiducia, una delle fatiche più incredibili che qualunque umano sperimenta nella sua vita. La Fiducia è ciò che ci permette di creare in maniera serena e centrata. Apriamo il Cuore al Novilunio, al Matrimonio Alchemico tra il Dio e la Dea e lasciamo che il balsamo di quella unità guarisca le ferite nella fiducia che siamo tutti Uno. E' un lavoro lento, non un El Dorado. Comunque ci vuole impegno, focalizzazione e soprattutto è necessario emettere l'atto di volontà di voler appianare i conflitti interiori, oltre la rabbia, il rancore, la frustrazione. Ora queste emozioni sono molto presenti in noi perché le dobbiamo elaborare. E allora buon lavoro a tutti, e che la Fiducia ci accompagni ci accompagni nell'incontrare la metà latente di noi.
Stefania Gyan Salila



mercoledì 16 agosto 2017

ASTROLOGIA INTUITIVA - IL CICLO DEI PIANETI RETROGRADI - ENTRARE NEL CAMPO DELLA MEMORIA PERDUTA


Facendo seguito al Post sul Corridoio delle Eclissi del - qui il LINK - voglio entrare nelle spiegazioni dettagliate dei doni rilasciati dalla presenza di 6 Pianeti Retrogradi nel Cielo astrologico di questo momento.
Come è noto, i pianeti seguono cicli di rotazione intorno alla propria Stella, mantenendo così viva la Musica delle Sfere, sulla base di un'armonia infinita, onnicomprensiva. Essi ricompongono così l'Ordine della Vita, che la loro danza mantiene stabile e fluida. Ogni pianeta rappresenta una funzione dell'umano a livello di archetipo, così, mentre i cicli planetari mantengono attiva la sincronicità galattica, accade che le orbite abbiano lo stesso effetto anche sullo stato di coscienza degli umani. Ogni forma di vita è interconnessa, a qualunque magnitudo essa si trovi, dalle forme unicellulari a quelle più complesse. Ad un cambiamento di movimento celeste corrisponde una modifica dello stato interiore dell'umano. Questo è quello che accade quando un corpo celeste entra in moto retrogrado. In quel momento l'orbita che nel Cielo astrologico si stava muovendo in moto diretto lungo i 360° dello Zodiaco, torna indietro lungo i gradi appena superati - ogni Segno zodiacale è composto da 30°, da 0 a 29. Il primo effetto che si prova è che il tempo si sia fermato e la vita sembra bloccata in un forte senso di stasi. Il peregrinare indietro su situazioni già accadute ha però un valore simbolico particolare, nel riproporre sotto diverse sfaccettature le emozioni non elaborate, le prospettive non prese in considerazione, il nutrimento nascosto dietro un apparente rifiuto. Ci viene data un'opportunità di rielaborare qualcosa di prezioso che altrimenti sarebbe andato perduto nell'oblio dell'inconscio. La conoscenza libera, sempre.
Ora che ci sono ben 6 pianeti che hanno attivato questa modalità, il recupero della memoria diventa molto importante. Vediamo come esaminando uno ad uno i 6 Maestri celesti:
Urano in Ariete (ciclo 2011/2018) - si trova in retrogradazione dal 04 agosto 2017 al 03 gennaio 2018 (28°/24°). La sua azione vuole stimolarci a mettere in luce gli attaccamenti. Cosa ci trattiene ancora fermi nel passato, identificati con una maschera di difesa dal senso di rifiuto? Che cosa non abbiamo lasciato andare? Quando non riusciamo ad allontanarci da qualcosa, qualcuno, perché abbiamo dato il potere a quel qualcosa/qualcuno di renderci felici, l'Armonia della Vita ce lo porta lontano, perché possiamo apprendere ad amarci per quello che siamo. Così perdiamo (così noi lo viviamo) un amore che però era compensazione, o qualcosa che ci riparava dalla paura. Rimanere nudi sotto la luce di Urano vuol dire lasciar andare gli attaccamenti e rinascere (Ariete è la Pasqua di Resurrezione).
Mercurio in Vergine - leggi Post in questo LINK
Saturno in Sagittario (ciclo 2015/2017) si trova in retrogradazione dal 07 aprile al 25 agosto 2017 (27°/21°). La sua azione retrograda riguarda la Missione di Vita. Essa ci mette in confronto con le illusioni spirituali. Siamo veramente pronti ad accedere alla fase successiva oppure stiamo scappando dal dolore nascosto dentro la pancia? Abbiamo fatto pace con il mondo emozionale, ricompattandoci, oppure non stiamo ancora respirando e quindi non ci prendiamo la responsabilità di chi siamo veramente? Saturno non ci permette di procedere oltre finché non abbiamo guardato il Drago interiore negli occhi. Spesso lì sotto c'è una grande richiesta d'amore. Prima di avanzare è necessario imparare a navigare nel Vuoto cosmico custodito dentro il ventre o dentro il cuore. Quando Saturno diventa retrogrado, ogni anno in estate, solitamente, esso ci chiede di ricordarci di noi, della nobiltà che conteniamo. Esso ci chiede di ricordarci della dignità.
Plutone in Capricorno (ciclo 2009/2023) si trova in retrogradazione dal 20 aprile al 29 settembre 2017 (19°/16°). Poiché i suoi transiti sono estremamente lunghi, esso trasporta un messaggio per la coscienza collettiva. Plutone in Capricorno stimola ad oltrepassare i limiti del controllo della Mente, entrando in uno stato di totale rilascio e disindentificazione. Epocali sono state le sue quadrature cicliche con Urano in Ariete tra il 2013 ed il 2016, che hanno portato tanti di noi a cambiare pelle. Fino ad allora esso ha dissodato le zolle dure dell'inconscio, portando alla luce le finte zone di sicurezza. Dal 2017 al 2023 il suo transito crea una nuova via di individuazione del sé ricostruendoci sulla base dell'Essenza che come un diamante brilla, liberata da tutto quello che siamo riusciti a smaltire. La sua retrogradazione in questo momento sta accompagnando ogni umano di nuovo dentro il passato, affinché ogni cellula sia libera dai retaggi del Vecchio Mondo che viveva in uno stato di coscienza di egemonia, prevaricazione e manipolazione. Siamo messi a confronto con la tematica del Potere. Quanta manipolazione abbiamo esercitato in passato, sia in questa che in altre vite? Siamo nel nostro potere, riconoscendo ciò che siamo e manifestandolo? Oppure siamo succubi di qualcun altro, a cui abbiamo donato il potere di decidere per noi? Perché non vogliamo prenderci la responsabilità di gestire la forza di cui siamo naturalmente dotati?
Nettuno nei Pesci (ciclo 2011/2025) si trova in retrogradazione dal 17 giugno al 22 novembre 2017 (14°/11°). Nettuno è Governato del segno dei Pesci, quindi questo suo transito è molto potente in quanto Ritorno del Culto della Dea, visto che esso rappresenta il Lato Femminile di Dio. La Terra si sta spostando sempre più verso una frequenza femminile e Nettuno, simbolo del senso del sacro della Vita, glorifica questo passaggio. Vale la pena ricordare che si tratta del primo transito di Nettuno in Pesci da quando è stato scoperto intorno alla fine del XIX secolo. La sua retrogradazione ora ci sta insegnando a trovare un posto nel mondo creando un contesto dove ci si possa sentire finalmente a casa. Stimola ad attivare un atteggiamento risoluto ma amorevole per portare a noi stessi tutto ciò che ci serve per vivere pienamente la spinta spirituale nella vita quotidiana. Quanti di noi stanno ricordando vite coinvolte al servizio della Dea, del Femminile Sacro, i Sacri Cerchi di Donne, che il Maschile Saggio proteggeva dai nemici? Ricordiamoci anche dell'Androgino che eravamo, perfetti contenitori di amore universale, totali e completi in sé. L'Eclissi del 21 agosto serve per riattivare specificamente questo stato di coscienza, dove il Doppio confluisce nell'Uno, a ritrovare la perduta memoria della vera Unità Interiore.
Chirone nei Pesci (ciclo 2011/2018) si trova in retrogradazione dal 01 luglio al 04 dicembre 2017 (28°/24°). Chirone è il Ponte tra il Vecchio ed il Nuovo, una cometa con orbita irregolare ma stabilizzata tra Saturno ed Urano. Chirone è il Guaritore, lo Spirito Innovatore che porta nuove modalità attraverso cui guardare il vecchio, per trasformare, resuscitare ciò che sembrava ormai in pieno decadimento, rivitalizzare le radici, stimolare l'esperienza piena da cui nasce la Saggezza. Il suo transito retrogrado riporta lo stato di coscienza a 50 anni fa, quando esso si trovava esattamente nello stesso segno in cui si trova ora. Allora ci si trovava agli albori di un'Era mai vissuta prima, l'era del Rock, dell'amore libero, della rivoluzione dei Fiori. Si creò allora una spaccatura netta con il mondo controllato dalla paura che stava appena uscendo da due guerre globali. Negli anni 60 ci fu un'esplosione di Amore che fu poi fagocitata dal sistema che immise sul mercato droga ed alcool per creare il naufragio che poi ci fu. Ora sarebbe il momento di integrare l'insegnamento di allora senza cadere nelle trappole della fuga dalla realtà. Stiamo seguendo un percorso spirituale per diventare saggi o per scappare in un mondo ideale? Siamo capaci di lasciar andare i rancori e le ferite ad essi correlati, vogliamo guarire il Bambino Interiore o ci permettiamo di continuare a fare capricci? Possiamo concederci l'opportunità di rivivere gli antichi dolori senza più risuonare con essi? Ciò significa diventare Guaritori di noi stessi: lasciare che il dolore diventi un alleato nella ricerca di Saggezza. Il nemico si trasforma in collaboratore, l'antico odio diventa rispetto della forza, sia nostra che altrui. Non ci sentiamo più minacciati. Tutto questo spalanca le Porte del Cuore, radicandoci dentro il Corpo e di conseguenza sulla Terra.
Questo è lo spaccato astrologico dentro cui stiamo vivendo. Respiriamo e proseguiamo!
Stefania Gyan Salila




domenica 13 agosto 2017

ASTROLOGIA INTUITIVA - IL CIELO DI AGOSTO 2017 - MERCURIO RETROGRADO IN VERGINE - IMPARA A RADICARTI NEL CUORE


Il 14 agosto Mercurio in Vergine (la brillante Mente logica ed organizzativa) entra in retrogradazione a 11°, per la terza volta nell'anno (inizio gennaio 2017 in Capricorno - aprile 2017 tra Toro ed Ariete).  In questo momento nel Cielo Astrologico sono presenti 6 pianeti retrogradi, tra cui appunto Mercurio:
Saturno a 21° del Sagittario (la Ricerca della Missione di Vita)
Urano a 28° dell'Ariete (lasciare gli attaccamenti)
Nettuno a 13° dei Pesci (fare luce sulle Radici)
Plutone a 17° del Capricorno (rimanere bloccati su un punto fisso)
Chirone a 28° dei Pesci (la guarigione della più antica delle ferite)
Chiediamoci il perché di tutti i disagi di questi giorni e qui possiamo trovare una risposta, senza accusarci di ostinazione o di comportamenti ossessivi. E' solo natura umana che ci aiuta a superare i limiti. Ogni anno accade che i pianeti, soprattutto quelli lenti, entrino in retrogradazione. E' il ciclo di apertura e chiusura del Respiro Cosmico, di verticalizzazione ed orizzontalizzazione del cammino evolutivo. Quando prendiamo atto di qualcosa, la scintilla deve essere introiettata per essere elaborata ed integrata. Questo è il beneficio dei pianeti retrogradi.
Pochi movimenti esterni. Tutto il mondo interiore è in subbuglio.
Questo è particolarmente vero per quanto riguarda Mercurio in Vergine. Quando entra in retrogradazione (fino al 06 settembre - da 11° della Vergine a 28° del Leone) la mente va in blocco, smette di funzionare in maniera lineare e può collegarsi con i Mega-Mondi interiori. La cosa diventa particolarmente forte quest'anno per l'opposizione di Mercurio con Nettuno retrogrado in Pesci, il quale ci pone domande sulle nostre radici (chi siamo, da dove veniamo, a chi/cosa apparteniamo). Mercurio non è in grado di fornire risposte soddisfacenti dal punto di vista logico, innescando tanti meccanismi di compensazione, che però enfatizzano il senso di smarrimento. Che fare? Ascoltare il corpo, sentire le emozioni, manifestarle, allargando lo spazio dentro il Cuore, per apprendere nuove visioni. Quali nuove visioni? Quelle che ci portano ad inventare nuove modalità, perché probabilmente abbiamo scoperto che i programmi stilati fino a questo momento non sono più validi. Forse possiamo trovare la forza di inventarci nuove risoluzioni creative, totalmente scardinate dall'attuale contesto, ma proprio per questo vitali ed innovative.
Attenzione ai movimenti viscerali. La Vergine scarica sul Duodeno, nella scelta tra scartare e trattenere. Con la retrogradazione di Mercurio opposto a Nettuno difficile non dire, non reagire. E' ora di eliminare i pesi sullo stomaco, di digerire, di ripulire le tossine. Mangiare leggero è raccomandabile per preservare la leggerezza mentale.
Abbiamo un periodo particolarmente interessante da affrontare. La cosa fondamentale è mantenere la mente aperta, il cuore spalancato, le funzioni di creatività intellettiva a mille. Il Corridoio delle Eclissi è pur sempre attivo. I 6 retrogradi ci aiutano a prendere la giusta rincorsa per fare il Salto.
Tutti insieme essi ci tengono fermi affinché nessuno sposti lo sguardo da dove è necessario mantenerlo. Il taglio di recisione deve essere netto, bello, pulito. Concediamocelo.
Stefania Gyan Salila

IN CAMMINO DENTRO IL CORRIDOIO DELLE ECLISSI - PROCEDENDO NEL TRIPLO TRIGONO DI FUOCO DEL DISSOLVIMENTO


Siamo ad una settimana circa di distanza dal Novilunio in Leone del 21 agosto, a cui si accompagna l'Eclissi totale di Sole. Il triplo Trigono di Fuoco è già attivo in Cielo tra Sole in Leone, Urano in Ariete e Saturno in Sagittario congiunto alla Luna Nera. Ecco quello che stiamo vivendo: il Processo di Dissolvimento dell'Ego per incontrare il Mondo del Cuore, dentro il quale può scoccare la scintilla di Alchimia trasformativa  che ci sta trasportando verso il Matrimonio degli Opposti del Novilunio.
Oggi la Luna si è trovata in congiunzione con Urano in Ariete, mettendo luce nell'inconscio e le ferite probabilmente si sono fatte sentire. Chi sta in osservazione in questi giorni può avere l'opportunità di guardare meglio, di comprendere più a fondo. Possiamo solo essere grati alla luminosità da cui veniamo benedetti. Quanto più prendiamo coscienza dei diversi aspetti, tanto più sarà possibile trovare la Pace, quella vera, in cui tutto ciò che è conflitto viene osservato ma non risuona più. 
La chiamata di questo Cammino nel Corridoio delle Eclissi è di Bruciare per Trasformare. Il Fuoco della Purificazione Interiore sta cambiando i territori del sentire, liberando spazi da vecchi ricordi. Se ci sentiamo ancora una volta sfidati a stare dentro conflitti vecchi come noi, è solo per non perdere di vista i punti su cui mollare la presa. Se ancora il vecchio nemico che credevamo sconfitto è in piedi e ci sorride beffardo, non è per spingerci necessariamente a reagire. La rabbia può essere forte nei confronti di quella situazione. Possiamo sentirci vittime di un dato comportamento che non pensiamo di meritare. La verità dell'ingiustizia subita può farci saltare dalla sedia. Prendiamocene la responsabilità. Il prossimo Novilunio in Leone del 21 agosto è una chiamata alla Responsabilità. Tutto è frutto di una scelta profonda. La rabbia la sfoghiamo in uno spazio protetto, non la gettiamo addosso ad alcuno. Ci prendiamo il compito di urlare la frustrazione in un momento di solitudine, dove creare la dignità di dare sfogo alle emozioni scomode. Ci prendiamo l'impegno di correre la nostra rabbia, di nuotarla, di scriverla, di picchiarla contro un cuscino. 
Così davanti all'ennesima sfida del grande nemico potremo vederlo per quello che è: un attivatore del processo di elaborazione del Potere. Il conflitto arriva quando non vogliamo riconoscere il nostro potere e ci facciamo sopraffare da quello altrui. Quando non abbiamo una buona relazione con le autorità, sia genitoriali che sociali. Il Potere è sapere ciò che si è e prendersi il compito di manifestarlo, avere un buon rapporto con la vita quotidiana e diventare autonomi.
Tutti questi sono gli insegnamenti del Novilunio in Leone enfatizzato dai Trigoni di Ariete e Sagittario. L'elemento Fuoco è maschile, per cui lo spazio del Cuore (Leone) che si apre ha una richiesta forte con sé. E' il tempo della scelta, della forza di volontà, dell'impegno. Scegliere se stessi, la propria verità, non cedendo più ai compromessi, che si dissolverebbero in un attimo (Urano in Ariete). Gli scheletri nell'armadio vanno arieggiati e possibilmente va data loro una degna sepoltura (Saturno congiunto alla Luna Nera in Sagittario). Se non si riesce a farlo subito, possiamo almeno prendere in considerazione l'idea. Tutto questo Fuoco porta Luce. Se ci sentiamo accecati, sopraffatti da troppe informazioni, moduliamo l'intensità attraverso il Respiro, ma sarebbe meglio rimanere presenti, perché questa è un'opportunità di cambiare stato di coscienza, di allargare la visione, di attivare quel Sacro Spazio del Cuore, che è il Portale Umano verso l'Infinito. Questa è anche la chiamata.
In questo modo si azzera la paura della sofferenza, cioè tutti i retaggi che ci hanno impedito di amare, ma soprattutto di farci amare (la parte femminile del Novilunio). Farsi amare, ricevere, è l'aspetto femminile della relazione. Fermarsi ed accogliere, aprirsi all'abbraccio. Il Sole nell'Eclissi diventa femminile, permettendo alla Luna di azzittirlo, di spegnere il Calore ed il Fuoco. E' un invito a lasciar andare, ancora una volta, il conflitto, soprattutto quello tra Maschile e Femminile, come simboleggiato dalla congiunzione tra Saturno e Luna Nera, che nel momento dell'Eclissi toccheranno i 21° del Sagittario.  Se la storia umana è contrassegnata da continue lotte, quelle memorie si trovano tutte dentro il nostro DNA. Quanti massacri perpetrati nel confronto del Femminile? Quali sono le memorie passateci dalle nostre antenate? Siamo arrivati al momento in cui stiamo liberando quel dato imprinting. Stiamo guarendo la Linea del Tempo, liberando la voce repressa del dolore del passato, il famoso baratro di paura che ci sentiamo dentro le viscere. Spesso non è nostro, lo sentiamo per fedeltà alla nostra stirpe. Possiamo anche decidere di averlo portato per abbastanza tempo, possiamo anche lasciarlo andare. Questo è il senso di Saturno congiunto alla Luna Nera. Accettando quell'eredità, sì, ma con la forza di chi desidera solo stare bene e non resiste più al peso della Vita. Se ci sentiamo schiacciati dalla Vita, è arrivato il momento di spostarsi. Il corpo sta collaborando perfettamente in questo. Ed il processo diventerà sempre più preciso man mano che questa settimana passerà. 
Il Sistema di Prendersi Cura Attraverso il Colore Aura-Soma ci supporta in questo viaggio grazie al Rescue Eterico, il Raggio dell'Arancione, colore legato al Secondo Chakra. Con questo Olio ci si aiuta a ricompattare il corpo emozionale, se ci sentiamo estraniati, isolati, frammentati. Massaggiando l'Olio sulla parte sinistra del corpo, possiamo lavorare per sentirci di nuovo Uno, integri, inclusi, radicati, in contatto con le emozioni e di nuovo guidati verso l'acquisizione del Piacere. Perché fondamentalmente la Vita E' Piacere.




A presto!
Stefania Gyan Salila

martedì 1 agosto 2017

ASTROLOGIA INTUITIVA - LE INTENSE ENERGIE DI FINE LUGLIO ED INIZIO AGOSTO - ISTRUZIONI PER L'USO


Forse avrete notato qualche difficoltà interiore in questi ultimi giorni. Ci stiamo avvicinando all'inizio del Corridoio delle Eclissi, tra il 07 (eclissi lunare) ed il 21 agosto (eclissi solare - ne scriverò presto), in prossimità del Portale del Leone (08.08 - vedi Celia Fenn), che mette in luce il Cuore, la necessità di radicarci dentro la sua Essenza, portando però in superficie tutta la sofferenza, il dolore e la paura che si sono accumulati sul Quarto Chakra, il Portale Interiore. Possono essere emozioni vecchie di secoli, sepolte sotto strati di oblio difensivo. Ora la massiccia presenza di pianeti in Segni di Fuoco supporta un processo di Trasformazione di quella densità, che ne siamo consapevoli o meno, che lo vogliamo o meno. Questa è la spinta. E' una spinta verso la Verità, oltre i compromessi; è una spinta che vuole lasciarci nudi, oltre ogni maschera. Il Fuoco brucia i corpi, che cercano di sopportare il processo di purificazione come meglio possono. Possiamo lasciar perdere il fare, lasciando che ciò che deve essere sia, respirando e permettendo lo svolgimento del processo, mentre la paura c'è ma si sposta sul fondo e rimane lì.
Se ancora ci sentiamo preda delle nostre stesse emozioni, disorientati, sofferenti, smarriti, è tutto molto normale, è il momento per elaborare queste ombre. La cosa importante è lasciare aperto il Cuore, senza rifugiarsi necessariamente dentro i processi cerebrali del capire. Non è possibile capire ora. La mente di per sé non ci può sostenere. Così non ci rimane altro da fare se non collegarla con lo spazio del Cuore, quando impariamo a respirare e stare in ciò che c'è, e la mente trova soluzioni, spunti e ispirazioni per inviarci indietro il disegno finale. 
Siamo dentro gli ultimi mesi di Saturno in Sagittario, il Maestro in un Segno di Fuoco ha stimolato un lavorio interiore di grande intensità. Tra dicembre e gennaio passerà in Capricorno, Segno di cui è Governatore, e la domanda che verrà posta a ciascuno di noi sarà: Chi Sei? 
Per poter rispondere, è necessaria una chiarezza profonda, un dialogo vivo con tutte le parti del sé. Ecco perché ora stiamo così male. Stiamo attraversando, ciascuno a modo suo, il tunnel della personalità per connetterla con l'Essenza. Ci vuole pazienza e amore. Tutto qui.
Stefania Gyan Salila