lunedì 22 maggio 2017

TRANSITI PLANETARI DI MAGGIO 2017 - PARTE 5 - L'ELABORAZIONE DELLA RABBIA NEL QUINCONCE TRA LUNA E LILITH



Prendo spunto dall'Oracolo del Sincronario del 22 maggio, in cui testimoniavo lo stato attuale del mio corpo fisico che si è gonfiato a dismisura nelle ultime tre settimane. Ho visto nei commenti che è uno stato che accomuna tanti, per cui sono andata a verificare il Cielo di questi giorni ed ho osservato che i raggi planetari formano delle interazioni tra loro che aprono a infiniti processi di rilascio. 
In particolare osservo il curioso Quinconce tra la Luna in Toro e Lilith, la Luna Nera, in Sagittario, che si sta formando dalle 13,00 circa UTC del 23 maggio alle 12,15 circa UTC del 25 maggio. 
Il transito della Luna nel Toro rappresenta un nutrimento importante per la Coscienza - la Luna è esaltata in questo Segno: essa stimola la Coscienza a costruire un rapporto sano con il corpo fisico, veicolo della Luce su questa Terra.
Lilith in Sagittario è puro Fuoco, l'Elemento necessario a mettere in moto un processo di trasformazione dei processi inconsci che regolano il rapporto con noi stessi a livello del corpo fisico. Quanto ci piacciamo? Viviamo bene dentro il corpo? Quanto ci sentiamo inadeguati? Ci reputiamo troppo bassi, grassi, brutti, sgraziati? C'è sempre qualcuno più bello, più snello, più intelligente di noi che ci ruba la scena? Lilith scatena il peggio in noi e porta in superficie ogni sfumatura del senso di inadeguatezza, ogni piccola crepa interiore che rovina il raggiungimento di uno stato di benessere.
Come detto, la Luna in Toro è nutriente. Quindi essa tende a comportarsi come una mamma paziente verso i capricci adolescenziali di Lilith. Tradotto significa che la nostra parte più saggia lascia che i bisogni insoddisfatti vengano in superficie e facciano le bizze così da trovare sfogo, in modo che poi l'animo recuperi serenità. 
Il corpo è gonfio per lasciar andare le tossine nascoste nel profondo che, grazie al lavorio interiore supportato anche dai raggi planetari che stimolano il Risveglio, vengono disciolte nei fluidi impetuosi della nostra emotività. Diventa così molto importante trovare uno spazio sacro e protetto per sfogare la rabbiosità, di cui Lilith è portatrice. Picchiare un cuscino, ringhiare allo specchio, dedicarsi ad un'attività fisica che permetta lo scarico dell'eccesso. E' ora di costruirsi una tale occasione per un onesto confronto con se stessi e la parte più scomoda. Non solo. Permettersi di sfogare la rabbia ci dà forza, perché superiamo i limiti della "civile" mente per darci la libertà dello sfogo sentito e necessario. E' ovvio che non si tratta di litigare con chiunque. Questo significherebbe usare le persone come un punchingball. Si tratta di ritagliarsi uno spazio di solitudine dove far uscire la voce, magari urlando dentro un cuscino. Non importa come, purché ci si dia il permesso di guardare la parte panica (da Pan, il satiro, creatura metà umana e metà caprina) manifestarsi. Essa è pura energia vitale che chiede di essere manifestata, pura forza del corpo fisico che ci dice esattamente dove siamo ORA. 
Le emozioni sono stratificate dentro di noi: la paura nasconde la rabbia, che a sua volta nasconde l'amore. Se desideriamo attirare amore, vivere amore, esprimere amore, è necessario misurarsi con la propria rabbia, superando la paura nel farlo.
Il 25 maggio alle 19.46 UTC ci sarà il Novilunio a 04° Gemelli, in opposizione a Lilith a 11° del Sagittario. Si aprirà un'altra interessante finestra di confronto, ma ne scriverò in un post successivo. 

giovedì 18 maggio 2017

IL TEMPO DEL RISVEGLIO E' ADESSO - I TRANSITI PLANETARI DI MAGGIO 2017 PARTE 4 - SATURNO IN SAGITTARIO QUADRATO A CHIRONE IN PESCI


Da aprile 2017 Saturno, Maestro dell'Anima, significatore delle memorie delle vite precedenti, ha iniziato il suo transito retrogrado in Sagittario, come avviene una volta all'anno a prescindere dal Segno in cui esso si trova in quel momento. 
Saturno governa il Segno del Capricorno (ed anticamente anche l'Aquario, prima della scoperta di Urano nel XVIII sec.) e transita in un segno zodiacale circa due anni e mezzo. Rispetto alla sua posizione di nascita nella nostra mappa natale, esso attiva delle sfide o cambiamenti evolutivi ogni 7 anni da quando nasciamo, finché ogni 29 anni ritorna sulla posizione in cui si trovava al momento della nostra venuta al mondo, conferendo al nativo l'investitura della maturità (o così almeno dovrebbe essere).
Da aprile ad agosto 2017 esso transita in retrogradazione tra i 27° ed i 21° del Sagittario, creando così un'interessante quadratura con Chirone in Pesci, che in quei mesi si muove tra i 25 ed i 28 gradi. L'aspetto più preciso si realizza nel mese di maggio, dove lo scarto è di 0/-2°. Ed eccoci qui.
Saturno è il Maestro della memoria, della maturità, della prova iniziatica. Aiuta a mettere a frutto i talenti a lungo coltivati nelle vite precedenti, per usare i quali è richiesta nella nostra vita attuale tanta saggezza.
Chirone è il Maestro della compassione, dell'empatia, della guarigione che parte dalla disperazione, quando ci arrendiamo totalmente perché non c'è più nulla da perdere. Aiuta a mettere a fuoco la missione di vita, per ottemperare la quale spesso siamo chiamati ad abbandonare la zona confort.
Ora che si trovano in quadratura creano una fortissima tensione interiore che rischia di affossare ogni intento coraggioso di evolvere, sostituendolo con un senso di pesantezza opprimente, che ci riporta in contatto con l'ineluttabilità della vita densa, della predestinazione, del senso di impotenza di fronte alla morte. E' il confronto definitivo con ogni tipo di limite, per verificare quanto siamo riusciti a uscire dalla visione del vecchio sé, dalle credenze legate al senso di fine e confine predeterminato.
Questo aspetto è uno dei più grandi trampolini di lancio per uscire da ogni schema sclerotizzato che ci portiamo dietro da vite e vite passate sulla Terra. Esso ci accompagna fino alla fine dell'anno, anche se adesso è particolarmente forte a causa della retrogradazione di Saturno, che scavando nel passato riporta a galla le antiche sfide non ancora definitivamente vinte. 
Chirone è il corpo planetario che fa da confine tra il Vecchio (coscienza legata al tempo che scorre - Saturno) e Urano, il nuovo confine celeste, pianeta simbolo della Telepatia e della Coscienza Galattica.
Inoltre, questa quadratura Saturno/Chirone è un trampolino di lancio verso il Nuovo anche perché a maggio 2018 Chirone entra in Ariete, ricominciando un nuovo ciclo zodiacale, dopo 7 anni di transito in Pesci, chiudendo così tutte le memorie collettive di dolore che l'umanità si porta dietro dalla Prima Guerra Mondiale (Chirone ha transitato nei Pesci tra il 1911 ed il 1915 e poi di nuovo tra il 1960 ed il 1968. Attualmente si trova nei Pesci per un ciclo che va dal 2011 al 2018). Si chiude un ciclo lungo 100 anni in cui ognuno ha scaricato fuori dal proprio sistema le memorie di dolore ereditate dal vissuto familiare più antico. Chirone ha guarito così le ferite della lacerazione, della divisione, del tradimento e dello strappo traumatico dal nucleo familiare che ogni umano porta nel cuore e nelle viscere. Saturno lo assiste, lo supporta, dona agli umani rigore, disciplina, centratura e un obiettivo da perseguire, così da non scoraggiarsi anche nei momenti più difficili.
I Bambini delle Stelle, coloro che sono venuti qui in missione per attivare il Processo di Risveglio collettivo, vengono ancora una volta messi alla prova, affinché attivino tutte le risorse possibile per ricordarsi di sé e da lì trarre forza, radicamento e presenza. Poiché Chirone guarisce se stesso prendendosi cura degli altri, ecco che la guarigione, il risveglio, il radicamento, avvengono in corso d'opera, mentre ci si muove normalmente all'interno delle proprie vite. Non cambia nulla apparentemente, ma il mondo esprime sempre di più i colori dell'Arcobaleno.
Stefania Gyan Salila

Leggi anche:


lunedì 15 maggio 2017

I TRANSITI PLANETARI DI MAGGIO 2017 - PARTE 3 - IL VOLO DEL CUORE LIBERATO - L'ASPETTO DI QUINCONCE E LO SCIOGLIMENTO DELLA MASCHERA DEL DOLORE



Il Cielo astrologico di metà maggio presenta una forte prevalenza di aspetti planetari di 150°, l'aspetto chiamato Quinconce, che riveste una grande importanza nella prospettiva della Missione di Vita. Ogni volta che due corpi celesti si trovano a 150° di distanza, essi stanno attivando una guarigione profonda nella nostra vita, in un livello che viene determinato dalle qualità dei pianeti, dalle caratteristiche dei Segni coinvolti, dalle Case astrologiche in cui si svolge questo aspetto. 
In ogni caso è una benedizione, perché è un ciclo antichissimo che si chiude, spingendoci in maniera sempre più decisa verso l'auto-realizzazione.

I pianeti muovendosi intersecano le proprie orbite nel Cielo astrologico zodiacale che misura 360° (12 Segni di 30° l'uno). Quando formano aspetti di 30° o multipli di 30, essi creano geometrie sacre che innescano processi di cambiamento nella coscienza.
Molto brevemente, gli aspetti principali che vengono presi in considerazione in Astrologia sono i seguenti:
30° (quando due pianeti si trovano in due Segni vicini) - Semi-sestile - indica l'attivazione di una virtù interiore;
60° (quando due pianeti si trovano in due Segni di Elemento complementare - Fuoco/Aria oppure Terra/Acqua) - Sestile - indica l'attivazione dello stato di coscienza di sé;
90° (quando due pianeti si trovano in due Segni di Elemento contrastante - Fuoco/Terra oppure Fuoco/Acqua oppure Terra/Aria) - Quadrato - indica una tensione interiore per placare la quale il nativo parte alla Ricerca di sé; è un aspetto altamente evolutivo;
120° (tra due pianeti che si trovano in Segni dello stesso Elemento - Ariete/Leone/Sagittario - Toro/Vergine/Capricorno - Gemelli/Bilancia/Aquario - Cancro/Scorpione/Pesci) Trigono - indica l'arrivo di un forte aiuto esterno; indica anche il talento naturale.
150° (tra un pianeta in un Segno ed un altro che si trova nel Segno precedente o seguente a quello in opposizione - Ariete con Vergine e Scorpione - Toro con Bilancia e Sagittario - Gemelli con Scorpione e Capricorno - Cancro con Sagittario e Aquario - Leone con Capricorno e Pesci - Vergine con Aquario e Ariete - Bilancia con Toro e Pesci - Scorpione con Gemelli e Ariete - Sagittario con Toro e Cancro - Capricorno con Gemelli e Leone - Aquario con Cancro e Vergine - Pesci con Leone e Bilancia) Quinconce - indica la risoluzione di una tematica che ha creato difficoltà per diverse vite precedenti, durante le quali si è cercato di liberasi da legami o pesi senza mai riuscirci. Ora è possibile.
180° (tra due pianeti che si trovano in due Segni opposti - Ariete/Bilancia - Toro/Scorpione - Gemelli/Sagittario - Cancro/Capricorno - Leone/Aquario - Vergine/Pesci) Opposizione - indica una situazione di separazione, una dualità forte; si può trasformare in corsia preferenziale per integrare ciò che è opposto, raggiungendo così il Centro del Sé; indica la comunicazione tra due stati opposti che aprono così alla trascendenza.

Dopo questo excursus tra i Fondamenti dell'Astrologia, il Cielo astrologico di metà maggio, fin verso la fine del mese, presenta molteplici aspetti di Quinconce, che ci stimolano a sciogliere antichi pesi, ritrovare perdute armonie interiori, riconoscendo di aver trovato in qualche modo Casa, o che comunque stiamo per arrivare a Casa:
Mercurio in Toro (0°/18°)/Lilith in Sagittario (10°/11°) - trovare un posto alla parte più irrequieta di noi, manifestandola, uscendo dalla vergogna per gli aspetti più scomodi di sé, avendo il coraggio di esprimere quella nota di follia necessaria a non praticare più auto-censura per un insensato quieto vivere che non porta a nulla se non a frustrazione e castrazione.
Nodo Lunare Nord in Leone (28°)/Chirone in Pesci (28°) - questo aspetto è preciso allo stesso grado fino a fine mese e per questo particolarmente forte. Esso pone l'attenzione sull'importanza che la Verità del Cuore ora costituisce per ciascuno di noi. Non possiamo più stare lontani dal senso di dignità, facendo finta di nulla. Non è più possibile rinunciare al rispetto di sé, costi quel che costi. Si risveglia la nostra parte più saggia, quella Voce interiore che ci guida, che a volte abbiamo volutamente ignorato perché ascoltarla richiedeva troppo coraggio. Ora il coraggio è supportato dal desiderio profondo di amare se stessi e di darsi ciò che naturalmente è nostro per diritto di nascita.
Giove retrogrado in Bilancia (14°) - Nettuno in Pesci (14°) - anche questo aspetto è preciso al grado, quindi molto significativo. I raggi dei corpi celesti stanno costruendo con le loro Sacre Geometrie una griglia dove far fiorire la Nuova Coscienza. Qui l'attenzione viene posta sul settore sentimentale. E' il ritorno dei vecchi amori (già nei mesi precedenti eravamo stati chiamati a ritrovare qualcuno per farci pace e poi lasciarlo andare). Questa volta la sensazione che ricevo nel contemplare questo aspetto è il Ritorno del Re - questo è quello che mi appare negli occhi della mente intuitiva. Traducendolo, potrei dire che sia l'incoronazione di un amore che abbiamo avuto sempre sotto gli occhi senza avergli mai dato il giusto valore. Ma percepisco anche il ritorno di qualcuno che era rimasto lontano in esilio. Poiché si tratta di un Quinconce preciso al grado, credo che sia collegato con la guarigione di una grande ferita d'amore nata da una separazione forzata. Inutile dire che questo aspetto si riferisce anche all'integrazione di parti rimaste in esilio nel nostro inconscio e di cui riusciamo ora a tornare consapevoli. E' una grande vittoria sul dolore fisico e sulla sofferenza animica, quando entrambi si siano originati da una lacerazione. 
Giove retrogrado in Bilancia e Nettuno in Pesci entrano in interazione anche con Mercurio in Toro e Lilith in Sagittario. E' una sincronizzazione degli aspetti interiori dissonanti, è l'auto-perdono per sbagli commessi in passato per i quali abbiamo pagato per vite e vite con l'esclusione dal clan, sentendoci soli e reietti. Anche qui avviene un Ritorno a Casa, la pecora nera viene redenta, la Strega mostra la ferita che l'ha incattivita e diventa Guaritrice. Il Traditore comprende la natura del tradimento perpetrato e si risveglia dall'ipnosi dell'illusione del potere. Le maschere della sofferenza mostrano limiti precisi e cominciano a sgretolarsi. Attenzione al senso di vuoto che segue. E' normale quando abbandoniamo identificazioni che sono rimaste con noi per tanto tempo. Nasce però sotterraneo un nuovo stato di benessere. Non speriamo che duri. Siamone pure certi!
Stefania Gyan Salila

martedì 9 maggio 2017

CARATTERISTICHE PSICO-SOMATICHE DEI SEGNI ZODIACALI - CANCRO



Questo post, insieme ad altri che usciranno in successione, ha lo scopo di illustrare il legame di ogni Segno Zodiacale con il corpo fisico, che funge da strumento di manifestazione di luce ed ombra, di cui veniamo a fare esperienza per conoscere noi stessi su questo piano dell'Esistenza. Le qualità sotto riportate relative ad un dato Segno descrivono principalmente l'aspetto-ombra, di cui a volte il nativo è cieco.
Le caratteristiche qui descritti valgono per chi ha il Sole, la Luna, l'Ascendente ed il Nodo Lunare Sud in Cancro, oltre ovviamente presentare nella mappa di nascita una massiccia presenza di pianeti in Cancro


Quando: dal 22 giugno al 22 luglio
Pianeta governatore: Luna
Elemento: Acqua (parola chiave EMOZIONE)
Periodi dell'anno di forza: inizio estate, quando il Sole sta viaggiando verso il proprio apice.
Colori che danno forza: i colori chiari e neutri (bianco, argento, grigio perla) legati alla luce riflessa del nostro satellite. 
Principali caratteristiche: quarto segno dello Zodiaco, è colui che approfondisce i rapporti interpersonali intessuti dal Segno dei Gemelli che l'ha preceduto. Il Cancro ha bisogno di creare intimità intorno a sé, per sentirsi protetto e custodito, così come la creatura che lo simboleggia è circondata da un guscio. Una volta che sente di potersi fidare di chi lo circonda, perde la sua riservatezza difensiva, si rilassa e si permette di essere se stesso.
Essendo il primo Segno d'Acqua, legato quindi al mondo emotivo, è molto creativo e originale, esprimendo così la sua tenera visione del mondo esteriore, sottolineata e supportata da movimenti fluidi ed armonici.
E’ fortemente soggetto alle influenze esterne, soprattutto a quelle della figura materna, la prima persona “altro” da sé con cui un essere umano entra in contatto. I Segni d'Acqua non conoscono una forma, in quanto i liquidi per natura assumono quella del contenitore. Così i nativi di questi Segni hanno sempre necessità di un contenitore, qualcuno che li protegga, faccio loro sentire che tutto è a posto e che costruisca intorno a loro uno spazio di identificazione. Questa predisposizione fa sì che il Cancro cerchi con tutto se stesso di assumere la giusta forma per essere contenuto nelle grazie della persona che si trova davanti, nascondendo spesso senza esprimerla la propria vera natura.
Il nativo del Cancro è caratterizzato da un elaborato rapporto con il cibo (vedi anche Organo bersaglio). Questo aspetto è determinato dal pianeta Governatore del Cancro, la Luna, Archetipo della figura materna. Il rapporto con il cibo è simbolo di questa relazione, di quanto ci siamo sentiti amati, troppo amati, poco amati. Anche se non si appartiene al Segno, ma vi è una forte presenza planetaria in Cancro, la mamma costituisce un punto fondamentale della vita di questo nativo, il quale tende spontaneamente a mettersi nella posizione del “bravo figlio/a”. 

Zone d’ombra
instabilità emotiva a seguito di quanto descritto sopra. Il suo eccessivo bisogno di essere amato ed accettato lo porta a negare se stesso, se questo non è conforme alle aspettative dell'ambiente esterno, generando una serie di emozioni contorte, che vanno dalla mansuetudine a repentini scatti d'ira, quando il Cancro realizza di non poter più mantenere una situazione scomoda per se stesso.
A volte si chiede perché gli altri gli chiedano cose che gli costa fatica dare o fare, senza accorgersi di essere stato il primo generatore di quella aspettativa.
Essere un bravo figlio/a sclerotizza corpo e anima in una serie di comportamenti rigidi che chiudono il Terzo Chakra, punto mediano di comunicazione tra mente e corpo, portando il nativo ad assumere atteggiamenti razionali ed analitici di difesa dalle emozioni. Il sentire in questo contesto viene percepito come disagevole, perché l’intensità emozionale mette a nudo le resistenze del nativo rispetto alla sua richiesta d’amore, che spesso viene percepita come non corrisposta.

Trasformazione della Zona d’ombra: comprendere che l'accettazione e il sentirsi amato inizia dentro di sé, guardando con amore e tenerezza tutto ciò che ci riguarda. Le altre persone sono protagonisti della lezione scelta prima di nascere ed ogni segno astrologico rappresenta una porta d'ingresso attraverso la quale si giunge qui. Ogni porta ci dona una forma che esprime con modalità precise l’esperienza legata al significato di quel dato segno. Vedendo la Vita da questo punto di vista, si esce dal meccanismo di vittima/carnefice, prendendosi la responsabilità dei dolori ma anche delle gioie, smettendo di accusare gli altri se qualcosa viene percepito fuori equilibrio.
Il nativo tenderà nel corso della propria esistenza a diventare consapevole della propria fame d’amore, comprendendo quanto sia importante ricercare il vero Nutrimento, selezionando persone, ambienti, relazioni, che gli diano ciò a cui la propria parte profonda anela maggiormente. A livello archetipico, in questo Segno avviene l’incontro con la Grande Madre Cosmica e l’essere si riunisce alla Fonte, sentendosi Uno con il Tutto.

Organo bersaglio: stomaco. Essendo il Cancro legato al nutrimento attraverso cui assume una determinata forma, lo stomaco è l'organo che trasforma quel nutrimento fisico e psichico in sostanza materica, determinando la tipologia del nostro corpo. Nello stomaco
avviene il processo del Fuoco e del Calore per la digestione e trasformazione del cibo. Questo organo è considerato il Grande Alchimista del corpo fisico. 
Per lo stesso principio, tendendo a rimuginare dentro di sé le emozioni senza esprimerle, il Cancro non lascia uscire il Fuoco, che diventa autodistruttivo, instaurando una dinamica di surriscaldamento, che porta all'insorgere di malesseri in quella regione del corpo. 
Poiché lo stomaco trasforma, il nativo per assonanza può diventare consapevole di quanti benefici possano derivargli dai cambiamenti. Nonostante la fatica di lasciare la zona confort, abbandonare un vecchio guscio per permettere ad uno nuovo di formarsi lascia spazio di circolazione all’energia vitale, così il principio archetipico del Fuoco lavora a favore dell’evoluzione interiore.


Rimedi

Fiori di Bach – Clematis, contro l'eccessivo bisogno di un nido; Aspen, per riequilibrare
l’ipersensibilità e iperreattivà emotiva.

Oli essenziali – lavanda, come antidepressivo e contro i disturbi digestivi.



GIA' PUBBLICATI



lunedì 8 maggio 2017

PLENILUNIO IN SCORPIONE - IL PROCESSO DEL PERDONO CONSAPEVOLE


Il 10 maggio alle ore 21.44 UTC la Luna diventa Piena a 20° dello Scorpione, segno d'Acqua, simbolo della Trasmutazione Alchemica della materia, che sotto lo stimolo indagatore della frequenza scorpionica, brucia l'eccesso di densità per diventare sempre più luminosa. 
Qual è l'azione trasmutante di questa Luna Piena di Primavera? Lo Scorpione, come tutti gli altri Segni d'Acqua - Cancro e Pesci - custodisce le memorie emozionali, in questo caso collegate con eventi dolorosi a livello relazionale come per esempio i tradimenti subiti o perpetrati, i sensi di colpa, gli episodi di gelosia, la frustrazione di non essersi sentiti amati, l'amarezza per una delusione. Il Sole in Toro, portatore della gioia di vivere, generoso nel suo donare stabilità e radicamento, si trova esattamente opposto alla Luna, come avviene ad ogni Plenilunio. Questo Sole caldo accoglie i flussi emozionali che ciascuno di noi comincerà ad avvertire in prossimità del 10 maggio ed offrirà un contenitore dove poter gettare via quei pesi, l'odio, il desiderio di vendetta, la difficoltà di allontanarsi da qualcuno nonostante il male fatto e subito. Istintivamente saremo messi davanti alla scelta di poter lasciarci alle spalle il risentimento covato per tanto tempo, affinché il Cuore possa tornare leggero. 
Ad un livello profondo questo Plenilunio ci mette in confronto con la capacità di Perdonare. 
Finché non sapremo lasciar andare con quanto più amore possibile, il Cuore non sarà veramente libero. Se anche non riusciamo a riprodurre una scintilla d'amore davanti a qualcuno che ci ha ferito profondamente, decidere di voler riflettere dove siamo incastrati, in quale punto dell'anima è rimasta l'ombra, già è l'inizio del processo di liberazione. Si tratta di compiere i passi necessari per arrivare ad attivare il Corpo di Luce. Tutto parte dal Cuore, dal contatto che abbiamo verso l'Infinito, di cui il Cuore è portale. Stiamo aprendo un varco verso quell'Oltre e gli aspetti planetari ci aiutano lungo il cammino.
Quest'anno il Plenilunio in Scorpione è particolarmente forte per la presenza dei Nodi Lunari in Leone/Aquario, che compongono la Croce dei Segni Fissi insieme al Toro e allo Scorpione. 
In base all'astrologia cabalistica i Segni Fissi portano una frequenza di radicamento tale da tenere in piedi l'intero cosmo. Negli Arcani Maggiori essi compaiono nella Carta del Mondo, il Ventunesimo Arcano, quale simbolo di protezione del processo alchemico dell'umano nel suo percorso evolutivo, quando il Matto, l'Anima Errante, ha raggiunto lo stato di coscienza di Illuminazione.


C'è tanto che possiamo mettere sul piatto in questi giorni. Decidiamo quale sia la priorità, quale tematica è più urgente. Può accadere anche che all'improvviso ci venga in mente un episodio dimenticato, e ci ritroviamo dentro un antico dolore. Rimaniamo focalizzati sul fatto che è scoppiata una bolla di emozioni represse ed ora è arrivato il momento di lasciarcele alle spalle. Non cadiamo preda del sentire per entrare nel loop della vittima. Fermiamoci e accompagniamo quel sentire con attività fisica (nuoto, corsa, ecc.), utilizziamo il corpo come mezzo di scarico, con quanto più distacco ci sia possibile mantenere. Se sale la malinconia, o qualunque altra sfumatura, non respingiamola, lasciamola uscire standoci dentro, respirandoci dentro. Con amore verso noi stessi. Diamocene l'occasione.
Come sempre, sta a noi decidere, a noi il prendercene la responsabilità, sia nell'agire che nell'astenercene. La Luna è lì che invita, il Sole accoglie, i Nodi Lunari preparano il cammino. Noi umani possiamo decidere che tutto è perfetto e che la strada verso la Luce vale sempre la pena di essere percorsa, anche se a volte passa per alcune sfide apparentemente insormontabili.
Stefania Gyan Salila

venerdì 5 maggio 2017

IL CIELO ASTROLOGICO DI MAGGIO 2017 - PARTE 2 - MARTE IN GEMELLI OPPOSTO A LILITH IN SAGITTARIO - I GRANDI QUESITI DELL'AMORE



Nel post su MERCURIO CHE TORNA DIRETTO ho illustrato una parte del Cielo astrologico di maggio 2017. Ora segnalo un altro aspetto interessante di questo periodo, l'opposizione tra Marte in Gemelli (al momento in cui scrivo si trova 09°) e Lilith a 08° del Sagittario. Si tratta di una configurazione che porta ad un confronto netto e diretto il Maschile (Marte) ed il Femminile reietto e dimenticato (Lilith). Questo è un aspetto di preparazione alla prossima Eclissi di Sole in Leone il 21 agosto 2017 (visibile dagli Stati Uniti), quando Lilith (la Strega) sarà congiunta a Saturno (l'Inquisitore) a 21° del Sagittario. Ecco una guarigione profonda dei conflitti tra gli opposti. I due Archetipi che si sono combattuti per secoli si ritrovano abbracciati e fusi, contaminandosi a vicenda, così che nessuno possa più giudicare l'altro, perché ognuno deve ammettere il proprio eventuale errore, prendersi la propria responsabilità, così da poter guardare l'altro negli occhi con dignità.
Per arrivare a questo punto è necessario un'elaborazione. Così l'aspetto di opposizione tra Marte e Lilith fino al 20 maggio può stimolare l'accadimento di eventi che accendono la luce nella Coscienza rispetto alla posizione di ognuno verso l'Altro, per comprendere quale sia il vero sentire, se esistono vuoti o mancanze, ricordi rimossi, emozioni distorte. Potrebbe non essere un periodo piacevole, perché Lilith stimola sempre una reazione, in quanto essa è un'ombra, l'ombra della Luna, già di per sé simbolo delle strutture inconsce respirate in famiglia. Cioè potremmo in qualche modo dover affrontare la nostra verità relazionale, di qualunque tipo essa sia, che siamo in coppia o single. Si tratta di un terreno estremamente delicato, di cui potremmo dover attraversare zone insidiose. La cosa interessante è che dal 21 maggio al 14 giugno Lilith cambia partner, Marte si allontana nella sua orbita, ed il Sole entra in Gemelli - così, dopo che il Maschile ed il Femminile arrabbiato si sono guardati negli occhi per studiarsi a fondo, i risultati di questo gioco di sfida e resistenza viene portato alla Luce (Sole). Verranno in superficie le risposte ad ataviche domande quali: perché attiro sempre lo stesso tipo di uomini che mi abbandonano, mi fanno soffrire, ecc.? Oppure: perché le mie partner mi tradiscono sempre? Oppure: perché non riesco a trovare un/una partner? Quanto mi giudico, quanto giudico gli altri, quanto sono aperto/a, quanto spazio riesco a fare ad un/una partner? ecc.
Si sa che per rispondersi in questo modo è necessario un atteggiamento di grande distacco, che ci permetta di uscire dall'atteggiamento vittimistico di chi si è sentito usato, tradito, ecc. Per questo continuo a dire che non sarà facile. Non perché debba accadere qualcosa di disagevole, ma perché saremo faccia a faccia con la nostra Ombra, quella che ha creato delle esperienze di mancanza d'amore per insegnarci cosa sia veramente l'amore. Incontrare l'ombra non è mai semplice, tanto è vero che chi arriva nella nostra vita a rappresentarcela, diventa il nostro peggior nemico da cui scappiamo per salvarci. E' però importante conoscere questa Ombra, così da non caderne vittime, ma anzi riconoscendola, possiamo anticiparla, acquisendo una posizione di forza sempre più consolidata.
Come sempre, invito tutti, anche me stessa, a fare i conti con la responsabilità, sapendo che ogni difficoltà è un dono immenso che ci porta verso l'Oltre. L'importante è sostenersi con qualunque tipo di attività sia la migliore per noi, che sappiamo ci faccia stare bene, così possiamo arrivare in fondo alla Via arricchiti di Luce e Compassione.
Dall'inizio del 2017 continuo a scrivere che questo è l'anno in cui le relazioni sentimentali sono sotto la luce dei riflettori planetari, affinché ogni umano possa in qualche modo fare chiarezza dentro il proprio cuore di quanto amore possiede e possa decidersi a non avere più paura di soffrire. Ricordate l'Avuela Margarita? Si vive solo in due modi: per amore o per paura. Dove vogliamo stare?
Stefania Gyan Salila

giovedì 4 maggio 2017

LE CARATTERISTICHE PSICO-SOMATICHE DEI SEGNI ZODIACALI - GEMELLI



Questo post, insieme ad altri che usciranno in successione, ha lo scopo di illustrare il legame di ogni Segno Zodiacale con il corpo fisico, che funge da strumento di manifestazione di luce ed ombra, di cui veniamo a fare esperienza per conoscere noi stessi su questo piano dell'Esistenza. Le qualità sotto riportate relative ad un dato Segno descrivono principalmente l'aspetto-ombra, di cui a volte il nativo è cieco.
Le caratteristiche qui descritti valgono per chi ha il Sole, la Luna, l'Ascendente ed il Nodo Lunare Sud in Gemelli, oltre ovviamente presentare nella mappa di nascita una massiccia presenza di pianeti in Gemelli

Quando: dal 20 maggio al 21 giugno
Pianeta governatore: Mercurio
Elemento: Aria (parola chiave PENSIERO E COMUNICAZIONE)
Periodi dell'anno di forza: primavera/estate, quando il tepore dell’aria stimola la ricerca di nuovi incontri e di interrelazioni.
Colori che danno forza: i colori chiari e neutri (bianco, argento, grigio perla) legati alla neutralità di genere di Mercurio, pianeta che non è polarizzato, non è maschio né femmina, ma possiede la forma embrionale di entrambi. 
Principali caratteristiche: terzo segno dello Zodiaco, è quello che gode dei frutti del lavoro altrui. Usufruisce dell'ambiente costruito dal Toro per intessere una rete di rapporti interpersonali con le persone ad Esso vicino, inizialmente i familiari, poi i compagni di scuola, poi i colleghi di lavoro, ecc., rimanendo sempre al centro dell'attenzione per la sua fluida capacità comunicativa. Il nativo Gemelli è curioso, perché la sua mente influenzata dal principio volatile e volubile di Mercurio (un metallo sfuggente, senza una forma definita, leggero) ama spostarsi da un argomento all’altro per soddisfare domande intellettuali. Una volta placate, si passa ad un nuovo interesse, per non cadere nella noia. La sua è anche una mente molto acuta, con ottime capacità di apprendimento, riuscendo a gestire anche più di un'attività alla volta per l’innata velocità intellettiva e il proverbiale colpo d'occhio.

Zone d’Ombra
Irrequietezza: la mente mercuriale stimola constantemente il nativo alla ricerca di “altro”, lo spinge a portarsi verso un Oltre, così il Gemelli non riesce a rimanere a lungo fermo nella stessa situazione. La sua natura volatile e leggera lo “condanna” ad un costante pellegrinaggio verso le novità, privandolo della gioia di vedere crescere l'attività che ha appena iniziato; da qui nasce la tendenza alla superficialità, perché non si concede il tempo di approfondire, non è interessato a ciò che vienedopo”: il Gemelli è già volato lontano. Rimanere in superficie è una difesa dall’intensità emozionale, una grande sfida per il delicato equilibrio di un Segno d’Aria. Se alle prese con il dolore, il nativo si trova in grandi difficoltà perché la sua leggerezza non riesce a sostenerne il peso. 
Un’altra difesa dal dolore adottata dal nativo Gemelli è l’apparente incoerenza, a causa della quale il mondo esterno si trova davanti ad inaspettati voltafaccia che creano disagi e frizioni. In realtà questa è la capacità estremamente Gemelli di interagire tra sé e sé nella risoluzione dei conflitti. Castore e Polluce, i Dioscuri, archetipi di questo Segno, sono la parte in luce e la parte in ombra che dialogano tra loro trovando interessanti soluzioni. Il disagio nasce perché il processo avviene solo interiormente e il mondo esterno non sa se sta parlando con il Gemello in luce o quello in ombra.

Trasformazione delle Zone d’Ombra: comprendere che la novità è rappresentata anche dal cambiamento di stato della situazione che si vive nel presente. Ogni situazione esistenziale evolve, perché la Vita stessa è movimento e ci porta a sperimentare diversi stadi di sviluppo, anche nello stesso ambiente e con le stesse persone, le quali subiranno a loro volta dei cambiamenti, così da lasciar sorpreso il Gemelli. Sarà così possibile per il nativo cominciare a sperimentare una spirale di energia che lo radica verso la densità, allargando il respiro oltre il terzo Chakra (diaframma), ad affrontare le insidie del mondo interiore. In questo modo la comunicazione tra mondo interno ed esterno diventa più fluida e l’incoerenza si può trasformare in Multidimensionalità, possibilità di svolgere tanti ruoli contemporaneamente, attivando tutte le parti del sé, nella piena auto-realizzazione.

Organi bersaglio: polmoni e pelle. Il Gemelli è il primo segno d'Aria, quindi la respirazione è fondamentale, così come la voce, che è lo strumento che ci permette di comunicare con il mondo esterno. Avere lo spazio per respirare è molto importante per un nativo Gemelli, in ogni senso e ad ogni livello. Quando ciò non è possibile, quando la situazione diventa pesante ed attanagliante, il nativo si sente in trappola, gli manca l’aria. Questi sono i casi in cui il Gemelli tende a sviluppare una malattia da raffreddamento, a causa della quale egli smette di respirare quell’aria che non gli piace, che lo annoia, che lo soffoca. Il naso chiude, a voler dire: non voglio più respirare quest'aria che mi circonda e che non mi piace. 
La pelle è collegata ai polmoni quale organo esteso deputato allo scarico di tossine, allo stesso modo in cui ci liberiamo dell'anidride carbonica attraverso la respirazione. 
Quando il Gemelli sente che la fuga è impossibile, che i suoi piedi sono troppo ancorati al suolo, sale il rosso della rabbia attraverso la pelle, dando spesso vita ad irritazioni cutanee, infiammazioni, episodi di acne. Questo squilibrio si verifica soprattutto nel periodo adolescenziale, che corrisponde alla fascia di età di Mercurio.


Rimedi

Fiori di Bach – White Chestnut, per supportare l'intensa attività mentale; Wild Oat, per aiutare la ricerca di un obiettivo concreto; Scleranthus, per sedare l'eccessivo movimento.

Oli essenziali – finocchio, come depurativo, per aiutare pelle e polmoni nella loro attività di organi emuntori; lavanda, contro l'irrequietezza. 



GIA PUBBLICATI
ARIETE 
TORO
CANCRO